Monthly Archives

luglio 2016

Al calar del sole

SAVE THE TURTLES!

31 luglio 2016

In attesa di darvi un aggiornamento sul nostro avventuroso viaggio, vi voglio raccontare l’esperienza vissuta l’altra sera.

Sono a Bocas del Toro, piccola cittadina sull’ isola di Colon, sul mar dei Caraibi, vicino al confine con il Costa Rica. Si dice che questa isoletta abbia ospitato i peggiori pirati di tutti i tempi e mi sento un pò catapultata in un altro mondo, un pò mi sento a Gardaland, quindi quasi a casa.

Durante il giorno ci sono mille mila cose da fare, di isolette da visitare e di animali da avvistare. Ma alla sera, alla sera si beve, si balla e si fa l’amore.

Ma noi no! Noi sappiamo che tra giugno e settembre migliaia di tartarughe raggiungono alcune spiagge deserte per depositare le loro uova. Il problema è che noi bestie occidentali siamo disposti a pagare tra i 1000 e i 2000 € per le tartarughe, la loro carne, la loro corazza e le loro uova. Quindi i locali, che con 2000€ ci vivono per un anno, vanno su queste spiagge a rapire le care Ughe.

Quindi no, non andiamo a ballare al ritmo di qualche musica caraibica, ma ci uniamo all’associazione che salvaguarda queste creature che, per autofinanziarsi, permettono ai turisti di unirsi alla prima ronda notturna, dalle 9 alle 11.

Partenze alle 8.30 con 3 irlandesi e un taxista che ci chiede uno sproposito per portarci al punto di ritrovo. Ho poi capito che lo sproposito era in realtà totalmente meritato: strade sterrate, tronchi da rimuovere, passaggio sull’acqua, attraversamento di torrenti e chi più ne ha più ne metta.

Arriviamo al punto di ritrovo ed è buio pesto: le luci spaventano le tartarughe e, a quanto pare, a nessuno interessa che il buio spaventa me. Va bè.

Assolutamente vietati il cellulare, la macchina fotografica e qualsiasi tipo di luce: a guidarci saranno le stelle e la luna (che non c’è)! A venirci in aiuto (aiuto?) sono stati dei magnifici lampi che illuminavano il nostro sentiero.

Allora, ricapitoliamo: è buio, spiaggia deserta e camminata di 6 km sulla sabbia. Bene.

Dopo 15 minuti siamo tutti morti: la nostra guida è un maratoneta è sicuramente il fatto che la spiaggia sia costituita da qualcosa di simile alle sabbie mobili non aiuta.

Però però però. Da un lato ci sono palme a non finire, dall’altro le onde del mar dei Caraibi, sopra di me una distesa di stelle luminosissime e sotto di me una sabbia caratterizzata dalla presenza di microscopiche alghe contenenti clorofilla (per intenderci il fenomeno della bioluminescenza).

Tra una maledizione e l’altra verso Christoffer (io volevo essere a un party sulla spiaggia a bere piña colada), mi accorgo che sto probabilmente vivendo una delle esperienza più incredibili della mia vita. Se la guida camminasse più piano me la godrei di più, ma cosa ci vuoi fare.

Vi ricordate i lampi che vi dicevo prima? Ecco erano i chiari segnali di un temporale che non si è fatto attendere, al contrario delle care tartarughe.

Dopo qualche Porcamiseriadiluviaemoriròfulminata le due ore di ronda erano finite ed era ora di tornare a casa. Tra botte ai piedi causate da noci di cocco invisibili ai miei occhi, vestiti fradici, polpacci tirati e luminarie varie non ci siamo fatti mancare proprio nulla. A parte le tartarughe chiaramente!

Camminare di notte su una spiaggia caraibica: fatto.
Godersi lo spettacolo di un temporale notturno al buio: fatto.
Salvare le tartarughe: non fatto, ma ci abbiamo creduto!

image

 

 

G.

Al calar del sole

Cose da fare e da non fare a Panama

24 luglio 2016

Breve lista di cose da fare se per caso vi doveste trovare a vivere un mese a Panama!
N.B. Da leggere rigorosamente in orizzontale!

COSE DA FARE                                                                                                                      COSE DA NON FARE

– Avere un Kindle che ti permetta di avere                                                               – Avere un Kindle che ti fara’ spendere
un libro dietro l’altro arrivando a leggerne                                                                decisamente troppo per libri, libri e
16 in un mese.                                                                                                                   libri.

– Concedersi un bicchiere di vino, al                                                                          – Non considerare che le dimensioni di    tramonto, guardando l’oceano                                                                                      un bicchiere di vino di Panama                                                                                                                                                             corrispondono a circa 4 bicchieri di                                                                                                                                                       vino italiani.

– Fare snorkeling su un’isola deserta                                                                           – Fare snorkeling su un’isola deserta
senza bocaglio e con dei semplicissimi                                                                                                                                                occhialini da piscina.

– Mettersi quintali di crema solare per evitare di scottarsi                                     – Illudersi che la crema solare, a                                                                                                                                                              Panama, serva a qualcosa quando c’e’                                                                                                                                                  il sole che batte.

– Cercare di dare il meglio di se’ in ogni occasione                                                   – Illudersi di poter essere adatti in ogni                                                                                                                                                 occasione.

– Aver chiara la differenza tra volere/potere/dovere                                               –  Non capire che  non tutto cio’ che si                                                                                                                                                     vuole  si puo’ e non tutto cio’ che si                                                                                                                                                       deve si  vuole.

– Trovare il coraggio di prendere la chitarra e                                                           – Non rimanerci male se quella che
esibirsi in un bar con open stage                                                                                  canta dopo di te e’ molto piu’ brava
(oltre che figa) di te.

– Gioire quando ti dicono “dall’accento pensavo che                                               – Illudersi che quello che te l’ha detto
fossi inglese”                                                                                                                    non fosse totalmente fatto.

– Partecipare a tradizioni locali, commuoversi e                                                       – Farlo essendo circondata da nonnine
scoppiare a piangere                                                                                                       che vogliono solo abbracciarti e                                                                                                                                                             baciarti.

– Vivere un mese di solitudine che ti fa apprezzare                                                   – Farlo vivendo in una stanza
la tua compagnia                                                                                                               minuscola con altre 3 ragazze, 2 delle                                                                                                                                                 quali hanno malattie sessualmente                                                                                                                                                       trasmissibili.

– Aumentare la proprio autostima ad ogni complimento                                          – Realizzare che a Panama
fatto al tuo bel culo                                                                                                             un bel culo e’ un culo grosso.

– Andare a Panama quando se ne presenta l’occasione                                             – Illudersi che la stagione della pioggia
perche’ comunque ne vale la pena                                                                                non significhi che piovera’ per                                                                                                                                                                sempre.

– Fare una DOs e DON’Ts list per fare contento MT                                                   – Scrivere cose serie che poi uno ti                                                                                                                                                           prende sul serio.

G.

 

 

Al calar del sole

Isla Iguana

19 luglio 2016

Articolo breve e con scarso contenuto. Consiglio: passare direttamente alle foto!

Era il lontanissimo 2003, frequentavo la seconda media e il mio amico JP mi aveva regalato il cd dela Maledizione della prima luna. “Complicated” di Avril Lavigne era la mia canzone preferita e i pirati erano la mia nuova passione (ok puo’ darsi che il sig Depp abbia influito mooooolto sulle mie passioni).

Era l’estate del 2015, dovevo partire per l’Australia e la mia cotta di allora mi chiese di leggere Robinson Crusoe e di fare la famosa “scheda di lettura”. Chiaramente non me lo feci chiedere due volte: penso sia stato il primo libro serio dopo tutti i vari Geronimo Stilton.

E’ l’estate 2016 e mi sono ritrovata su un’ isola deserta, non dei caraibi, non c’era mr Depp, non c’era nessun (NESSUN) isolano ed era a dir poco meraviglioso. Il mio sogno di essere un pirata, alla ricerca di tesori, all’avventura su una nave, gridando ioooooooo 4 pirati oooooooooo e una bottiglia di ruuuuuuuuuum si e’ quasi avverato.

Isla Iguana e’ una piccola isoletta sull’Oceano Pacifico completamente disabitata, completamente naturale e completamente…. paradisiaca. Per arrivarci e’ necessario corrompere dei pescatori che, con la loro barchetta, ti parcheggiano sull’isola e ti vengono a riprendere 6 ore dopo.

Ora: sappiamo bene che io NON sono amante della natura e gli animali, di qualsiasi tipo e dimensione, mi fanno molta paura. Bene, vi posso dire che ho visto: 1 mini squalo, moltissimi pesciolini colorati, meravigliosi coralli, granchi e crostacei di ogni tipo a non finire, iguane di varie dimensioni (che per me comunque sono mini coccodrilli), pellicani (decisamente troppi) e un paio di avvoltoi.

Non la clasificherei esattamente come una giornata rilassante in quanto ho passato ogni momento sulla spiaggia ad alontanare iguane e a controllare che nessun pellicano si avvicinasse al mio panino. Ma posso dire che, andare contro ad ogni cellula del mio corpo che mi diceva di scappare da tutti quegli esseri viventi, be… ne e’ valsa la pena.

Fare snorkeling con degli ottimi occhialini da piscina: fatto!

FHD0033

FHD0053

FHD0062

FHD0109

FHD0125

IMG_0413

IMG_0414

IMG_0426

IMG_0445

IMG_0447

IMG_0464

IMG_0480

G

Al calar del sole

Quando “casa” non e’

3 luglio 2016

Sono seduta sul mio dondolo-altalena e mi perdo nello splendore che si estende davanti ai miei occhi. Stamattina ha piovuto e ora il cielo e’ un quadro meraviglioso di nuvole bianche, nuvole grigie e strisce di cielo illuminato. L’oceano e’ calmo ma mi sembra che le onde si infrangano sempre piu’ vicino a me. Sembrano i miei pensieri che si infrangono nella mia testa, tutti i dubbi che si infrangono nel mio essere.

Mi domando se, nel corso della mia vita, vedro’ ancora un posto cosi’ bello. Mi domando se, un giorno, decidero’ di tornare e vedere cosa ne e’ stato di tutta la natura che mi circonda in questo istante perche’ no, non sara’ lasciata intatta.

E’ trascorsa una settimana dal mio arrivo in quello che viene definito “paradiso pacifico”, eppure domani me ne andro’. Ho chiesto di essere trasferita, mi sposto in un altro ostello della stessa catena. E’ sorprendente come un posto cosi’ fantastico sia riuscito a farmi allontanare, a farmi dire che no, io, qui, non ci voglio stare, questo non e’ il mio paradiso pacifico.

Ripenso a d.G., a come pensasse che il suo inferno sarebbe stato sicuramente al mare. Sorrido e ascolto l’oceano.

J. mi scrive che i libri che non ci piacciono si devono lasciare perdere. E non perche’ non si possano finire, ma perche’ non sempre vale la pena. Si, sono sicura che restare in questa nuvola di fumo non valga la pena, non per me.

Il sole cerca di farsi spazio tra una nuvola e l’altra. Ringrazio il cielo non solo perche’ ho potuto gustarmi questa meraviglia, ma anche per essere sopravvissuta alla notte che e’ stata forse la piu’ lunga della mia vita. Mi godo la mia altalena-dondolo ancora per qualche minuto prima di andare a fare il mio ultimo turno.

Se mai saro’ nonna vorro’ una sedia cosi’ nel mio gardino. E raccontero’ al mio nipotino di come quella baia fosse un gioiello del mondo, di come la natura vincesse su tutto, di come l’oceano mi cullasse il sonno. Non gli diro’ di quello che gli uomini facevano in quella baia, quello lo terro’ per me. Gli diro’ come quella meraviglia non potesse essere il posto per me.

 

13608310_10153715726796662_1728266571_n

“Non tutti i posti possono esserlo”
“Cosa?”
“Casa”.

G.