Al calar del sole

Bucket list: Safari (con l’Alce!)

2 giugno 2015

Non so se sia stato il destino, Dio, il karma o chissà chi, ma oggi io e il mio ragazzo abbiamo sbagliato strada ed ecco che ci ritroviamo nella sperduta campagna svedese con solo un cartello: “Gardsby Algpark. Ett Minne For Livet” (Il parco alci di Gardsby: un ricordo per la vita) .

Senza saperne di più, ci siamo avventurati in una stradina solitaria che non lasciava presagire niente di buono, non serve aggiungere che entrava in una strana foresta e che, ovviamente, non c’era traccia di anima viva.

Dopo qualche chilometro, arriviamo finalmente in un piccolo cottage, ovviamente rosso, in puro stile svedese. Entriamo in quella che sembrava una normalissima casetta e ci ritroviamo in un inquietante “hunting lodge” con non so quanti animali imbalsamati: avete presente la classica trama dei film horror con le casette in mezzo al nulla e centinaia di corna appese al muro? Ecco.

alce tour 2

alce

Per quanto mi riguarda ero già pronta a tornare alla macchina, quando spunta uno strano signore e ci invita a partecipare a quello che chiama un “Alg Safari”, un tour fra le alci.
Non so come, parlavano tutti in svedese, vedo il mio ragazzo pagare e mi ritrovo sul retro di un trattore pronta ad immergermi nelle alci.

C’è qualcosa che a questo punto dovrei specificare: gli animali, dalla gallina al cane, mi fanno una paura tremenda. Figuriamoci gli animali che per stazza, fierezza e corna, sono chiamati “The king of the forest”.

Per convincermi il mio ragazzo mi dice che potrebbe essere una cosa da eliminare dalle mia bucket list, la mia lista di cose da fare prima di morire, tra cui c’è anche “Fare un safari”. Tocca le corde giuste: non posso più tirarmi indietro.
Partiamo e scopriamo che potevamo arrivare molto vicino a questi maestosi animali, così vicini da trovarmi il loro grosso muso (o culo) ad un palmo dal mio grosso naso. E intendo così vicino:

vicino

Senza accorgermi che avevamo lasciato alle nostre spalle il cottage e che ci trovavamo in mezzo alla foresta, mi trovo davanti il più vecchio del branco: con i suoi 500 kg e i suoi 8 anni era il più desiderato fra le alci femmine ( a quanto pare, nel mondo delle alci, è il sesso “debole” a scegliere il proprio partner di una notte!).  Non male, vero?

Capture

Ma bando alle ciance voglio arrivare al perché questa avventura fra le alci è stata così importante e così inaspettatamente meravigliosa. Ebbene si, miei cari lettori, l’inventore di questo parco potrebbe aggiungersi al nostro club di sognatori, di persone che ci credono davvero. Perché quest’uomo, Leffe, contro tutti e tutto, nel 2007 ha deciso di aprire dal nulla, un parco per le alci, un parco che potesse mettere in contatto l’uomo e queste creature maestose. Quando l’ha proposto per la prima volta, sua moglie l’ha preso per pazzo (oh come lo capisco!), per non parlare degli amici e, peggio ancora, delle banche.

Certo toccare un alce è stato meraviglioso, certo vedere così da vicino degli animali così grandi è stato sensazionale, certo scoprire che si possono combattere le proprie paure è stato sorprendente.

Ma vedere il luccichio negli occhi di questo signore mentre coccola le sue alci, questo signore che ha fatto del suo sogno il suo lavoro, ha reso unico e irripetibile il mio safari.

Non so se sia stato il destino, Dio, il karma o chissà chi ma oggi, ancora una volta, ho avuto la conferma che se ci credi, se lavori sodo e se aggiungi a questo mix un po’ di pazzia e di coraggio, i sogni possono davvero diventare realtà.

E l’ho scoperto in uno strano safari svedese in mezzo alle alci.

Fare un safari almeno una volta nella vita:

coccole

 

 

 

 

 

 

 

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply Niky 3 giugno 2015 at 22:32

    Bellissimo Quando leggevo riguardo l hunting lodge ho subito ripensato a Frozen quando Anna e Kristoffer si incontrano per la prima volta! Comunque spero di perdermi anche io un giorno e di ritrovarmi in quel posto! Le cose più belle sono sempre le cose inaspettate

  • Reply Mirko 16 giugno 2015 at 21:04

    Never stop dreaming!

  • Leave a Reply