Al calar del sole

La bolla dei buoni propositi del 2018… puff! We are back!

29 gennaio 2018
we are back

We are back! Chissà se qualcuno se n’è accorto (noi si!) che il nostro blog per un pò è svanito, morto, disperso nelle profondità abissali dei misteri dell’internet. Possibile che fosse entrato nella cerchia di coloro che decidono di sparire per qualche giorno, poi ricomparire con un messaggio, poi puff, poi ritornare, poi “no scusa, ma no, non pensare male, è che sono molto impegnato, sai l’orto…”? Possibile?

La verità è che non sappiamo cosa sia successo e, visto che noi di professione non siamo informatiche, ma semplici sognatrici, non ci è restato altro che fare un viaggio mentale per cercare di comprendere cosa fosse successo al nostro Not Far Enough.

Ecco la mia versione.

E’ passato un mese dall’inizio del 2018, vuol dire che 1/12 delle nostre possibilità di mettere in atto i buoni propositi del nuovo anno se ne sono già andate. Ed è incredibile come io sia riuscita a mantenere i miei elevati standard per ben… 11 giorni! Non siate crudeli, non pensiate che abbia mollato! Non è che, a un certo punto, io abbia deciso “ok ora mollo tutto ciao ciao ci ho provato”. No, no, l’arrendersi è stato molto più subdolo. L’energia dei primi giorni, la sensazione di possibilità, la sicurezza di potercela fare, hanno pian piano lasciato il posto alle piccole ansie, alle piccole sconfitte, al potere delle piccole cose negative.

Così, piano piano, mi sono dimenticata…

Mi sono dimenticata di non lamentarmi, di non soffermarmi, di mettere in prospettiva, di dare il giusto peso. Mi sono dimenticata di pensare in grande, di mantenere le promesse, di dare tempo alle persone, di dare tempo anche a me. Mi sono dimenticata di trovare tempo per leggere, per ascoltare una nuova canzone, per gustarmi una serie tv, per chiamare quella persona che poi non mi molla più. Mi sono dimenticata di lasciare andare, di lasciare liberi, di lasciare sentire anche quello che non si vorrebbe. Mi sono dimenticata di imparare a dire no, di respirare con più calma, di essere più diplomatica.

Possibile che in pochi giorni mi sia dimenticata tutto?

Ecco allora che il blog, un pò come l’eroe nelle favole, arriva surfando le onde del web, dritto dritto a me. Me lo immagino, in  tutto il suo splendore che mi guarda con quel sorrisetto, che ha anche mio papà, di chi mi conosce bene e sa che ci ho provato, ma che, insomma, avrei potuto fare di più. E nei miei viaggi mentali me lo vedo scendere dalla tavola da surf e, cantando meglio di Adele, mi dice: “Hello? It’s me! I was wondering if after all this time you’d like to meet, to go over… everything!”

Oh Blog! Sei tornato! Sei tornato giusto in tempo per ricordarmi che comunque sia andata questa prima chance di migliorare, ne ho ancora 11 e poi chissà quante ancora? Sei tornato per ricordarmi che qualche volta si ha solo bisogno di spazio, di sbagliare e di ricominciare? Sei tornato per darmi la possibilità di rileggere le nostre avventure? Sei tornato per darmi la possibilità di scrivere del viaggio che, per adesso, ho ancora solo la forza di sognare per quest’estate?

Ah non mi importa proprio perchè tu sia sparito, mi importa solo che tu sia tornato! Perchè, qualche volta, è bello anche solo accogliere, respirare e ricominciare. Ancora più cariche per la seconda chance di questo 2018.

 

Photo by Josh Calabrese

 

G.

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply