Guests

Quella volta che mi sono presa una vacanza da me stessa

2 febbraio 2016

Viaggiare mi è sempre piaciuto. Scappare ancora di più.

Quando le situazioni si complicavano o solo quando avevo di cambiare prendevo e andavo via.

Poi gli anni sono passati, le responsabilità aumentate, le teste anche. E andare in vacanza è diventato sempre più difficile, e costoso. Perché non sembra, ma andare in vacanza in 3 è un’altra cosa. Dal punto di vista economico e del relax.

Mi sono ripetuta per mesi che ero una persona – prima ancora che una madre – e in virtù del matrimonio di un caro amico sono andata dall’altra parte del mondo per una settimana, da sola.

Ma non puoi far sposare tutti i tuoi amici in altri continenti solo per il – sano e sacrosanto! – bisogno di libertà e indipendenza.

Così ho iniziato – senza volere credo all’inizio – a prendere a una vacanza dalla mia vita.

Semplicemente, a dedicare sempre più spazio a momenti a me. Ho iniziato a portare scampoli della mia vita professionale dentro casa, nei weekend.

Semplici scambi di messaggi e conversazioni di lavoro che pian piano diventavano riflessioni semiserie sulla vita. Dove soprattutto, ero io, e solo io, non ero più una moglie, una madre, un ruolo inquadrato.

Una vacanza da me quindi, senza barriere, senza nuovi luoghi da visitare, ma forse solo aspetti di me sopiti da ritrovare.

Un viaggio nella mia testa – senza conseguenze per nessuno.

Un viaggio che necessariamente però si interrompe bruscamente – quando ti rendi conto che alla fine una scelta la devi fare. Tornare indietro o andare avanti.

E alla fine tornare indietro è la scelta migliore. Perché è come quando torni a casa.

Magari l’impatto è duro, hai ancora in mente i ricordi vividi della vacanza. Il nuovo e il diverso ha un sapore sempre migliore. Come quando torni in inverno dai caraibi e non puoi credere di essere passato in poche ore dal sole che ti bacia e accarezza al freddo gelido che ti punge anche le vene.

E poi piano piano però sai perché casa tua è il posto migliore che esista. L’unico in cui puoi essere davvero te stesso. L’unico a cui hai sempre e comunque voglia di tornare.

E riparti di slancio, verso il prossimo viaggio. Dove sai per certo che non partirai da sola, ma con la tua famiglia, che hai avuto la fortuna e la tenacia di conquistare e mantenere.

 

Pes

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply